Dall’ordine al fluido

personale di Juri Perin

06 – 20 ottobre 2021

Opere dall’impostazione rigorosa in cui l’evidente contorno rettilineo affida un ordine sempre coerente all’intera rappresentazione cedono il posto all’armonia curvilinea di nuovi dipinti. Una evidente inversione artistica che risente degli eventi contemporanei. Il vivere inquadrati in un rigore sistemico ha condizionato anche l’arte di Perin, il ritrovarsi chiuso in casa a lavorare, la difficoltà di programmazione e l’impossibilità attuale di concepire una vita priva di regole ha determinato un passaggio dall’ordine alla fluidità di una curvilinea forma che ha perso la geometria acquistando una speciale armonia estetica. L’unico elemento costantemente grandioso delle opere di Perin è il colore che sa avvalersi di cromie sempre grandemente avvincenti senza mai essere invadenti. Una raffinatezza di impostazione, una serenità incredibile, una calma coinvolgente introducono l’osservatore tra spirali e spigoli. La soluzione finale resta sempre grandemente pulita, perfettamente delineata in cui tutto è al posto senza imperfezioni. E’ in questa dimensione intrisa di cromie, spigoli e vortici che emerge quanto le opere di Perin siano sostanzialmente frutto delle sue emozioni intime, di sensazioni, di un vissuto che trasferisce grandemente nella sua arte. ‘Ci sono sensazioni che non posso essere spiegate’ scriveva Emily Bronte, è esattamente questo che si pensa davanti all’arte di Juri Perin, in ogni piccolo tratto, nel gesto del più piccolo punto cromatico c’è tutta la grandezza del suo essere trasferito in arte. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.